Archive for Dichiarazione dei redditi

730 precompilato: tutte le novità del modello 2016

Il modello 730, meglio conosciuto come 730 precompilato, si avvia alla sua seconda stagione e verrà presentato dal 15 aprile 2016 dalla Agenzia delle Entrate. La nuova dichiarazione dei redditi 730 2016 da effettuare con il modello 730 online si rivolgerà ad una platea di 20 milioni di lavoratori dipendenti e assimilati, oltre ai pensionati e ai 10 milioni di contribuenti che compilano il modello Unico Persone Fisiche.

Fra le tante novità di quest’anno, saranno disponibili anche i dati che riguardano alcuni oneri detraibili e deducibili sostenuti dai contribuenti. Tra questi, gli interessi passivi sui mutui, i premi assicurativi, le spese mediche, universitarie e funebri, oltre alle somme versate per la previdenza complementare.

Novità nel modello 730 per spese di ristrutturazione e risparmio energetico sostenute nei condomini minimi

Per la ristrutturazione del condominio minimo, inteso come edificio composto da un numero non superiore a otto condomini non si dovrà richiedere il codice fiscale per portare in detrazione le spese di ristrutturazione e risparmio energetico sostenute per interventi realizzati sulle parti comuni degli edifici. Sarà infatti possibile portare in detrazione sul prossimo modello 730 le spese sostenute anche se il pagamento è effettuato dal singolo condòmino, producendo una semplice autocertificazione in cui dovrà essere indicato il tipo di lavori eseguiti e le parti dell’edificio interessate.

Novità per la detrazione delle spese mediche nel modello 730 precompilato

Nella dichiarazione dei redditi 2016 sarà possibile portare in detrazione quelle spese sostenute per prestazioni e trattamenti eseguiti da medici o personale autorizzato dalle autorità sanitarie. Tali detrazioni sono accettate in misura pari al 19% della quota eccedente i 129,10 euro. La detraibilità dei trattamenti sanitari prevede la prescrizione da parte del medico che attesti il collegamento fra la patologia del paziente e la cura adottata.

Novità per le spese funebri nel modello 730 precompilato

Per le spese funerarie è prevista la detrazione del 19%, per un importo non superiore a euro 1.550 a prescindere dal rapporto di parentela. In precedenza infatti potevano usufruire della detrazione i parenti che sostenevano la spesa funebre. Adesso il modulo 730 permette di estendere la normativa anche alle persone non considerate “familiari”, quali ad esempio i conviventi superando le difficoltà di acquisizione dell’informazione in base al grado di parentela.

Novità per le spese scolastiche e universitarie nel modello nel modello 730 precompilato

Nel modello 730 le spese sostenute per università e master universitari sono detraibili in misura del 19%. La detrazione è rivolta a chi frequenta corsi presso università statali e non statali, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, sia in Italia che all’estero. Le detrazioni possono riferirsi anche a spese sostenute nell’arco di più anni, compresa l’iscrizione fuori corso.
Anche le spese effettuate nel 2015 per la frequenza delle scuole d’infanzia, elementari e medie di primo e secondo grado, sia private che statali, sono detraibili, oltre alle spese sostenute per la tassa d’iscrizione e della mensa scolastica per un importo annuo non superiore a 400 euro per alunno o studente (detrazione 19%). Per quanto riguarda le spese per la frequenza di asilo nido l’importo massimo detraibile è pari a 632,00 a figlio (detrazione 19%).

Comments off