Archive for Arte e Cultura

LIBRI ILLUSTRATI PER BAMBINI

Edizioni DBS: il ricco catalogo dei libri di storia per bambini e ragazzi
immagine di un libro appartenente alla gamma dei libri di storia per bambini

Affermata in tutto il territorio veneto grazie alla professionalità e all’esperienza maturata nel corso della sua trentennale attività, la casa editrice Edizioni DBS presenta un vasto catalogo di libri per bambini e ragazzi tutto da scoprire.

Nata nel 1980 con il nome di Tipografia DBS, l’anno successivo Silvio De Boni allarga gli orizzonti di questa piccola realtà tipografica di Rasai, un paesino in provincia di Belluno, fondando la DBS Edizioni.

Nel corso degli anni l’azienda DBS ha ampliato il suo catalogo con una vasta gamma di libri di storia per bambini, tra cui fiabe, filastrocche, libri illustrati e una sezione dedicata ai più piccoli e ai bambini con disturbi di dislessia.

 

Libri a tema: dai libri illustrati per bambini ai testi didattici, ai libri di storia per bambini e ragazzi

Nella collana dei libri di storia per Bambini e Ragazzi di DBS Edizioni non compaiono solo libri di narrativa, fiabe o filastrocche, ma anche libri per insegnanti ed educatori che trattano specifici argomenti.

Uno di questi si intitola “1,2,3… palla!”, uno dei libri illustrati per bambini che suggerisce e descrive ben 500 giochi, suddivisi in quaranta unità didattiche, che i bambini possono fare con la palla. “Il giro della chiave di Sol”, invece, è un libro che permette agli insegnanti di far avvicinare i propri allievi alla musica attraverso indovinelli, giochi e disegni. Alla parte illustrata per i bambini si affianca quella per gli insegnanti, completa di note, consigli e suggerimenti didattici.

Un altro dei libri illustrati per bambini è “Cornicette”, trentadue pagine tutte da giocare per i bambini che amano divertirsi disegnando.

“El Sanguanel de Refavaie” appartiene invece alla gamma dei libri di storia per bambini ragazzi a fumetti realizzato da Luca Salvagno, uno dei più famosi fumettisti italiani. Una graphic novel adatta ai ragazzi di tutte le età, che saprà coinvolgerli raccontando le vere storie della Grande Guerra.

Altri libri di storia per bambini e ragazzi sulla Grande Guerra sono: “E se dovrò partire anch’io?” e “Nove milioni di rami secchi”, che insegnano ai bambini e ai ragazzi di oggi la difficile realtà quotidina ai tempi della Grande Guerra.

 

Libri per bambini: quando una risata tira l’altra!immagine di un libro appartenente alla categoria dei libri illustrati per bambini

“Fiabe, conte, filastrocche del Veneto e dal mondo” è uno dei divertenti libri per bambini illustrati scritto da Alessandro Paleari che racchiude le più belle e famose filastrocche, fiabe e conte che si tramandano da generazioni, e che continuano ad appassionare bambini e ragazzi di ogni età.

“Tutte d’un fiato” invece è uno dei tanti libri per bambini che raccoglie indovinelli, motti, barzellette e battute per divertirsi ridendo a crepapelle.

 

Le storie di Tigrotto: i libri per bambini con disturbi di lettura

immagine di un libro appartente alla gamma dei libri per bambini

Scritti e ideati da Cristina Pocchiesa Cnò e Sandra Bortot, i libri per bambini di Tigrotto raccontano le avventure di un gattone rosso e dei suoi amici. Sono libri per bambini pensati per i più piccoli dai 3 anni in su ma anche per bambini dislessici, e per questo scritti con caratteri in maiuscolo, questi libri illustrati per bambini insegnano ai più piccoli ad affrontare le proprie paure, ma anche i valori dell’amicizia, del rispetto della natura e degli animali.

 

Commenti

MUSEO DI SAN MARCO DI FIRENZE

Il Museo di San Marco di Firenze ha sede in un antico convento domenicano e si trova in Piazza San Marco. Il Museo di San Marco è un capolavoro architettonico di Michelozzo e possiede la migliore collezione al mondo delle opere di Beato Angelico, sia su tavola sia ad affresco, artista che visse per un certo periodo proprio in questo convento.

Museo di San Marco di Firenze biglietti salta coda

Il Museo di San Marco, oltre ai capolavori di Beato Angelico, espone opere di altri maestri molto importanti, come Fra’ Bartolomeo, Domenico Ghirlandaio, Giovanni Antonio Sogliani e molti altri ancora. Per poter visitare il celebre Museo di San Marco di Firenze con biglietti salta coda potete contattare Italy Travels al numero 055 2670402. La prenotazione dei biglietti vi consentirà di saltare la coda alla biglietteria e di accedere subito all’interno del museo per non perdere del tempo prezioso. Il Museo di San Marco di Firenze fu, fino al 2014, sede di una comunità domenicana dove i frati abitavano gli ambienti a ovest. Dal 2014 a oggi, i religiosi superstiti vennero riuniti ai frati di Santa Maria Novella. Visitare il Museo di San Marco di Firenze con biglietti salta coda è possibile anche completando il form sul sito Internet www.ticketsflorence.com

Museo di San Marco di Firenze e l’Annunciazione di Beato Angelico

Prenotando i biglietti salta coda con Italy Travels, potrete ammirare il bellissimo Museo di San Marco di Firenze e l’Annunciazione di Beato Angelico, affresco che si trova davanti alle scale. L’affresco dell’Annunciazione di Beato Angelico è un’opera databile tra il 1440 e il 1450 ed è una delle opere più famose del maestro. Beato Angelico utilizzò la preziosa azzurrite e mise anche degli inserti in oro. In questo affresco spicca la monumentalità delle figure, isolate nello schema prospettico, con un fortissimo senso di spiritualità. Per gli amanti dell’arte, visitare il Museo di San Marco di Firenze e l’Annunciazione di Beato Angelico è un obbligo! Volete vivere un’esperienza indimenticabile? Affidatevi a Italy Travels e la tua visita al Museo di San marco di Firenze sarà indimenticabile e carica di emozioni!

 

Comments off

Biglietti Vaticano, visitare l’arte dei Papi

Nella Città del Vaticano è custodito uno dei più grandi tesori artistici del mondo, la collezione che hanno messo insieme i Papi attraverso i secoli, un insieme di opere d’arte di valore inestimabile: i Musei Vaticani.
I Musei Vaticani sono nati più di cinquecento anni fa, quando la scultura di Laocoonte, fu esposta in Vaticano dopo che Papa Giulio II l’aveva acquistata dal suo proprietario.
Prenotare i biglietti musei vaticani, vuol dire poter accedere con un solo biglietto ad un enorme quantità di opere artistiche di rilievo internazionale, tra cui Raffaello, Matisse, Van Gogh e De Chirico, solo per citarne alcuni.

A quali Musei si accede con i Biglietti Vaticano

Acquistando i biglietti vaticano si possono visitare tutti i Musei Vaticani, che si trovano in viale Vaticano a Roma e che comprendono: musei, sale, collezioni, monumenti e tutte le zone aperte al pubblico dei Palazzi Vaticani.
Con i biglietti vaticano si può entrare alla Pinacoteca e visitare il museo che contiene le opere di Giotto, Leonardo, Raffaello e Caravaggio, ma si può accede anche alla Collezione d’arte Religiosa moderna, con Mina, Chagall, Matisse, Van Gogh e tanti altri artisti moderni e contemporanei.
Inoltre è possibile accedere anche a tutti gli altri Musei del Vaticano: Museo Pio-Clementino, Museo Missionario Etnologico, Museo Gregoriano Etrusco, Museo Pio Cristiano, Museo Gregoriano Profano, Padiglione delle Carrozze, Museo Filatelico e Numismatico, Musei della Biblioteca Apostolica Vaticana e Museo Chiaramonti.

Visitare i Palazzi Vaticani con i biglietti vaticano

Oltre a poter visitare tutti i Musei, con i biglietti vaticano, è possibile entrare nei Palazzi Vaticani e visitare tutte le gallerie aperte al pubblico come: la Galleria dei Candelabri, la Galleria degli Arazzi e la Galleria delle carte geografiche.
Grazie ai biglietti vaticano si può anche accedere alla Cappella Sistina, la Cappella di Urbano VII e alla Cappella Niccolina, l’appartamento di San Pio V, la Loggia di Raffaello, la Sala Sobieski e l’appartamento Borgia, oltre a tante altre stanze e saloni ricche di opere d’arte.
I Musei e i Palazzi Vaticani sono chiusi tutte le domeniche e durante le festività religiose, sono invece aperti dal lunedì al sabato dalle nove di mattina alle sei del pomeriggio

Commenti

L’arte della Ceramica, una tradizione antica giunta ai nostri giorni

La produzione ceramica è antica e molto diffusa. Dal greco “κέραμος” (kéramos), cioè “argilla”, è un materiale composto inorganico, non metallico, molto plasmabile allo stato naturale, e al contrario molto rigido dopo la cottura. Ha origini che si perdono nel neolitico, e i reperti archeologici ritrovati nelle varie parti del mondo fanno risalire l’uso di vasellame cotto sul fuoco al XI millennio a. C. L’oggetto in ceramica più antico è stato ritrovato in Giappone, anche se i Cinesi ne hanno fatto un largo uso fin da quei tempi. Nei millenni a seguire la tecnica di preparazione dei manufatti in ceramica migliorò notevolmente.
Esistono diversi tipi di ceramiche. I quattro tipi di ceramiche principali sono la terracotta o coccio, le terraglie, il gres e la porcellana, che può essere tenera o dura. Possiamo anche suddividerli in:
ceramiche a pasta compatta, tra cui i gres e le porcellane. Sono molto resistenti, e si caratterizzano per la bassissima porosità e le buona impermeabilità a gas e liquidi. Non si lasciano scalfire neanche da una punta d’acciaio.
ceramiche a pasta porosa, tra cui le terraglie, le maioliche e le terracotte. Sono facilmente scalfibili, e si contraddistinguono per la pasta tenera e assorbente.
Gli elementi, che servono alla preparazione della ceramica, sono diversi: argilla, sabbia, ossido di ferro, feldspato (costituito da un importante gruppo di minerali, che si reputa facciano parte, per il 60%, della crosta terrestre), caolino idrosilicato di alluminio e silice.
Poco più di un secolo fa, la produzione della ceramica ha conosciuto uno sviluppo a livello industriale. In Italia sono state perfezionate tecniche e tecnologie che hanno consentito, nella seconda metà del secolo scorso, di aumentare e migliorare enormemente la produzione di piastrelle sia dal lato qualitativo che per quanto riguarda la riduzione dell’impatto ambientale.
Il mestiere del ceramista è comunque un mestiere antico, imperniato di tradizioni e culture antiche. E’ senz’altro un mestiere interessante, che richiede una ricerca sui materiali, sugli smalti, sulle terre e sulle forme. Un lavoro che può interessare molti giovani, ma che richiede molta manualità.

Commenti

Mostra del gioiello contemporaneo

Mostra gioiello contemporaneo
Preziosa è la mostra per eccellenza del gioiello contemporaneo. La mostra orafa organizzata in collaborazione con la scuola “Le arti orafe” di Firenze è ormai un appuntamento atteso e visitato da migliaia di persone.

Inizialmente progettato come un evento ambientato a Lucca, in pochi anni si è affermato sul panorama internazionela grazie alla presenza di numerosi artisti del gioiello di fama mondiale. Dopo aver visto i natali a Lucca sotto il nome “Lucca Preziosa”, la mostra è ad oggi indipendente dalla città e viene presentata semplicemente come “Preziosa”.

Anche le modalità di organizzazione sono cambiate negli anni ed oggi viene realizzato un palinsesto di tutto rilievo, specco messo a punto con i maestri orafi provenienti da tutto il mondo.

Da anni è nata la sezione “Preziosa Young” che vede la partecipazione di numerosi ragazzi studenti delle più affermate scuole orafe.

Commenti